Isvroma-italiano

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il cortile

L’iniziativa della fondazione dell’istituto fu dell’allora Principe Ereditario Gustavo Adolfo di Svezia, poi Gustavo VI Adolfo, archeologo di formazione, nonché appassionato di studi classici. Il Principe Ereditario fu presidente del primo Consiglio di Amministrazione dell’Istituto, con sede presso il Palazzo Reale di Stoccolma. Per il resto della sua vita Gustavo Adolfo dedicò all’istituto presenza, interesse e impegno.
L’attuale sede dell’Istituto è a Valle Giulia, in un'area messa a disposizione nel 1939 dallo Stato Italiano, in cambio di un terreno a Stoccolma, destinato a un istituto italiano. L'edificio di via Omero fu realizzato grazie a una generosa donazione della fondazione Knut e Alice Wallenberg Stiftelse, disegnato da Ivar Tengbom e arredato dai designer Carl Malmsten (mobili), Elsa Gullberg e Märta Måss-Fjätterström (tessuti). Sia l’edificio che i suoi interni si distinsero per la qualità del design e della realizzazione e ancora oggi costituiscono un’interessante eredità svedese in terra romana.

La facciat dell'istituto nel 1940

Scopo dell’attività dell’Istituto, fin dalla sua nascita, fu di offrire a universitari e insegnanti di lingue classiche svedesi l’opportunità di studiare in situ la topografia, i monumenti e l’arte di Roma e dell’Italia antica. L’insegnamento accademico fu da subito uno degli interessi principali e sin dall’inizio furono organizzati corsi per studenti delle varie università svedesi. Inoltre la pratica archeologica veniva esercitata grazie ai progetti di scavo dell’Istituto a Roma e dintorni.
Dal 1930, vennero periodicamente organizzati anche corsi di storia dell’arte italiana e nel 1959 iniziò l’attività didattica con cadenza annuale anche per questa disciplina: un corso per dottorandi incluso nel sistema universitario svedese. Oltre a questi corsi fissi l’istituto ne organizza altri, tra cui un corso di archeologia cristiana e un corso di formazione per insegnanti liceali di latino e greco.  
La biblioteca dell’Istituto (ca. 60.000 volumi) è specializzata in archeologia e antichità classiche ma anche la sezione storico artistica è ben fornita.  La collana pubblicata dall’istituto, gli Acta Instituti Romani Regni Sueciae, ha dato un importante contribuito, sin dall’uscita del primo volume nel 1932, attraverso gli scambi interbibliotecari, all’arricchimento della sezione di riviste e periodici. Dal 1992 viene pubblicata la collana Suecoromana. Negli anni, grazie a varie donazioni, la biblioteca si è arricchita di collezioni speciali, ad esempio la collezione Bildt (Carl Bildt 1931), con volumi su Santa Brigida e la Regina Cristina e la collezione Wetter (Erik Wetter 1975/76) che verte soprattutto sull’etruscologia. Nel 2004 È nata la serie di pubblicazioni on-line The Swedish Institute in Rome. Projects and Seminars.
Negli ultimi 50 anni l’istituto ha condotto diversi progetti archeologici in Etruria Meridionale. L’attività iniziò nel 1956 con gli scavi di San Giovenale (Blera, VT), seguiti poi dagli scavi nelle vicine Luni sul Mignone e Acquarossa (Ferento, VT). Scopo principale di queste indagini archeologiche fu lo studio degli abitati di epoca preistorica ed etrusca. Si è trattato di un approccio innovativo alla cultura etrusca, fino ad allora conosciuta soprattutto attraverso le necropoli e i santuari. I risultati andarono ben oltre le aspettative: vennero riportati alla luce interi quartieri abitati con i relativi materiali, che consentirono di acquisire informazioni del tutto nuove. L’esposizione Scavi e ricerche svedesi. San Giovenale e Acquarossa 1956-2006, allestita presso il Museo Nazionale Etrusco della Rocca Albornoz a Viterbo, illustra i risultati delle indagini. 
I progetti archeologici nati dopo il 1980 hanno un carattere in parte diverso. Alcuni di essi sono stati condotti in collaborazione con gli altri istituti nordici a Roma: è il caso di Ficana, del Tempio dei Castori al Foro Romano e della Villa Imperiale a Nemi. I progetti dell’istituto si sono indirizzati sul lavoro di documentazione e su metodi non distruttivi, mentre l’attività di scavo vera e propria è stata molto limitata ed ha avuto luogo solo per rispondere a quesiti specifici. Progetti di questo genere hanno avuto come oggetto il Battistero di San Lorenzo in Lucina, l’Insula V 1 a Pompei, il Giardino della Villa di Livia a Prima Porta, le collezioni di marmi antichi di Palazzo Lancellotti ai Coronari. Esempi di indagini archeologiche più estese sono le ricognizioni intorno a Luni sul Mignone e in Campania.

Nuove pubblicazioni

URBiS è online!

www.urbis-libnet.org

Valle Giulia Dialogues

The Valle Giulia Dialogues
find us on facebook

You are here: English